Memorie e Folklore

Accate la lusce, é vinne lu sa’ule.

Compri la luce e vendi il sole. Contro chi, dormiglione, incomincia tardi a lavorare sprecando la luce solare e consumando quella artificiale.

Acciaffe ciocche puéte, ca ciacche lasse è perdute.

Afferra ciò che puoi, che quello che lasci è perduto.

A chiane stu muérte sò la’creme perdute.

A piangere questo morto sono lacrime perdute. Cioè la vita continua; lo si dice anche per situazioni difficili per cui non c’è rimedio e qualche volta quando non ne vale la pena.

Addau arrive, chiande u zippe

Dove arrivi metti il segno (uno stecco). Si dice così quando non si può arrivare a finire un lavoro, e lo si fa lo stesso fin dove si può.

Adda una stè la jatte, i (su’reche) su’rece abba’llene.

Dove non c’è la gatta, i sorci ballano.

Addau stè (‘ng’é) wuste, na stè (‘ng’é) perdénze.

Dove c’è il gusto, non c’è perdita. Se una cosa ti piace, non ci si rimette.

A fatte pe farse la crosce è s’è chechète l’écchie (l’o’cchiere)

Ha cercato di farsi la croce, e s’é accecato l’occhio (gli occhi). Per dire: ha cercato di avere aiuto e ha peggiorato la situazione.

Affatte u cunde sénze u tavernère!

Hai fatto il conto senza l’oste!

Agne ‘nzande, cappe é wande.

A tutti i Santi (metti) cappa e guanti. Perché comincia a far freddo.

A lla’nzeca tau!

Espressione intraducibile che si potrebbe rendere, ma è, “con accidenti a te”.

A mangè sime tutte come jaddine; a fatejè tutte come purgine.

A mangiare siamo tutti come galline; a lavorare tutti come pulcini. E cioè: a mangiare avidi come galline, a lavorare incapaci come i pulcini.

Amisce é cumbuère parlème (parla’mece) chiare.

Amici e compari parliamo chiaro.

Ammine la péte é ascònne la mène.

Lancia la pietra e nasconde la mano.

Arripe (astipe) la zampogne pe quante t’abbesogne.

Tieni da parte la zampogna per quando bisogna. Cioè: impara l’arte e mettila da parte.

Atta’cchete u stacitte.

Attaccati lo stare zitto. Cioè: fai silenzio.

Benediche é benedechème, ciacche tenime ne mangime.

Benedico e benediciamo, quello che abbiamo, lo mangiamo. Frase allegramente ottimista, senza preoccupazioni per il domani.

Bive ca te passe.

Bevi che ti passa. Affoga nel vino le tue preoccupazioni.

Brutte é la vecchiè; chiu’brutte na la vedè.

Brutta è la vecchiaia; più brutto non vederla.

Camine, ca angallisce!

Cammina che ti riscaldi!

Ca’rcere é malatì lundène da la chèsa mi.

Carcere e malattia lontano da casa mia.

Ca tu te wé appezzechè’ a na ramagghia spezzate!

Tu ti vuoi proprio aggrappare a un ramo spezzato!

Ce accòcchie persune, accocchie scherzane.

Chi mette insieme persone, mette insieme serpenti.

Ce addemmanne nan fèsce arrore.

Chi domanda non fa errore.

Ce delure téne, ru’cchele scétte.

Chi dolore ha, urla lancia.

Ce la fatì’ jére bbone, fatejaje u jalandome.

Se il lavoro era buono, lavorava il galantuomo.

Ce mange assè, se nèche.

Chi mangia assai, si annega. In senso proprio e traslato: è pericoloso.

Ce nan pénze ji per mmaje pe mmaje nan pénze nesciune.

Se non penso io per me, per me non pensa nessuno.

Ce nasce a marze jé minze pacce.

Chi nasce a marzo è mezzo pazzo. È nella credenza comune non solo di Altamura che come marzo è pazzo lo sono anche quelli nati in questo mese.

Ce pé’chere se fèsce, u lupe se la mange.

Chi pecora si fa, il lupo se la mangia.

Ce s’accundénde de lu picche, jé ricche.

Chi si accontenta del poco, è ricco.

Ce se jalze la matine, wadagne u cuarrine.

Chi si alza (presto) la mattina, guadagna il carlino (vecchia moneta del regno di Napoli).

Ce sparte, jève la mégghie parte.

Chi divide ha la parte migliore.

Ce tutte vole, tutte pèrde.

Chi tutto vuole, tutto perde.

Chiove l’auste? Jégghie é muste.

Piove l’agosto? Olio e mosto. Perché è il momento in cui le olive e l’uva hanno la possibilità di ingrossare.

Chiu’ picche sjme é cchiu’ mégghie parime.

Più pochi siamo e meglio sembriamo.

Cicce fòtte (fonge) é Cole pè (pète).

Ciccio fotte e Cola paga (patisce).

Citte, citte, ‘mménze a la chiazze.

Zitto, zitto, in mezzo alla piazza.

Da dDije é da vecine nan te puéte asconne.

Da Dio e dai vicini non ti puoi nascondere.

Da nande t’allisce, da réte te pisce.

Davanti ti alliscia, di dietro ti piscia. Così viene bollato l’ipocrita tutto cerimonioso, ma con il veleno in corpo.

Da vive nan lu puta’jne vedè, da muérte lu wonne chiangénne.

Da vivo non lo potevano vedere, da morto lo vanno piangendo.

Dimme a ce jé figghie é te diche a ce arresemégghie.

Dimmi a chi è figlio e ti dico a chi assomiglia.

Do pjte jnd’ a na scarpe nan po’tene stè.

Due piedi in una scarpa non possono stare.

Fatte u nome é vinne mjre acite.

Fatti la nomea e vendi vino aceto. È facile che lo compreranno perché si fideranno.

Fèsce la zi Agnése.

Fa lo gnorri.

Frusce de sca’upa nove.

Fruscio di scopa nuova. Si dice quando uno affronta con eccessivo entusiasmo un nuovo impegno; per cui bisogna aspettare che passi del tempo per vedere se era entusiasmo momentaneo.

I triste ne i vole manghe Criste.

I tristi non li vuole neppure Cristo.

Jégghie amère ti’nele chère.

Olio amaro tienilo caro.

Ji chième a mazze é tu respunne a coppe.

Io chiamo bastoni e tu rispondi a coppe.

Jidde fèsce é jidde sfèsce.

Lui fa e lui disfa.

June chète é l’alte rite.

Uno cade e l’altro ride.

La buscì vè nnande é la veretè véne apprisse.

La bugia va avanti e la verità viene appresso.

Chiudi Non visualizzare di nuovo