Altamura - sabato 30 gennaio 2016 Attualità

I dettagli

Altamura ricorda le vittime del naufragio del 12 febbraio 1944

In Consiglio comunale donati una targa e una medaglia ai parenti del soldato Felice Gramegna

Un momento del consiglio comunale. © altamuralive
di Angela Colonna

La nave “Oria”, varata nel 1920, requisita dai tedeschi, salpò l'11 febbraio 1944 da Rodi alle 17,40 per il Pireo. A bordo più di 4000 prigionieri italiani che si erano rifiutati di aderire al nazismo dopo l’armistizio dell'8 settembre 1943, 90 tedeschi di guardia o di passaggio e l'equipaggio norvegese.

L'indomani, 12 febbraio, colto da una tempesta, il piroscafo affondò presso Capo Sounion, a 25 miglia dalla destinazione finale, dopo essersi incagliato nei bassi fondali prospicienti l'isola di Patroklos.
I soccorsi, ostacolati dalle pessime condizioni meteo, consentirono di salvare solo 37 italiani, 6 tedeschi, un greco, 5 uomini dell'equipaggio, incluso il comandante Bearne Rasmussen e il primo ufficiale di macchina.

Tra le vittime vi erano 7 altamurani. Lo scorso 29 gennaio, in sede di Consiglio comunale, l’Amministrazione ha voluto rendere omaggio ai soldati che hanno perso la vita donando una targa e una medaglia. Presenti alla cerimonia, i nipoti del soldato Felice Gramegna, classe 1911.

Commossi, i signori Gramegna hanno consegnato all’Assise l’elenco degli altri sei soldati altamurani che persero la vita in quella notte di disgrazia. La stessa Amministrazione si è ripromessa di contattare i parenti per rendere onore anche al resto dei soldati.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo