Le immagini

Concorso “Giovani in crescendo”. Primo premio per i “Piccoli cantori” della scuola S. Francesco

Grande successo presso il teatro Rossini di Pesaro

Cultura
Altamura mercoledì 27 aprile 2016
di Angela Colonna
Il coro "Piccoli cantori"
Il coro "Piccoli cantori" © n.c.

Si aggiunge un altro grande successo nei registri della scuola primaria S. Francesco d’Assisi, con dirigente Pasqua Loviglio.

Negli scorsi giorni, il nome della scuola altamurana ha lasciato la sua eco anche a Pesaro. Infatti, presso il prestigioso Teatro Rossini si è esibito il coro “Piccoli cantori” della scuola S. Francesco, che con la direzione della prof.ssa Antonella Nuzzi,   ha vinto il primo premio sezione musica/canto scuole primarie. Un risultato lodevole per la nostra città che vanta un coro di piccoli già esperti.

Giunto alla terza edizione, il concorso “Giovani in crescendo” ideato dalla prof.ssa Rachele Pacifico e dal presidente della Rossini, Saul Salucci, in collaborazione con gli assessorati alla Bellezza, alla Gestione e al Benessere,  con il MIUR – Ministero dell’Università e Ricerca e dell’Ufficio Provinciale Scolastico di Pesaro, ha coinvolto i talenti provenienti da 12 regioni italiane.

I “Piccoli cantori”, accompagnati al pianoforte dal pianista Giancarlo Direnzo, hanno superato la prova con brani di Bizet , Donizzetti, Basevi e Visioli presso il teatro Sperimentale.

Dopo la selezione, hanno partecipato alla serata finale, al concerto dei vincitori con il brano  di G. Bizet “Coro dei Monelli”, accompagnati  dalla preziosa Orchestra Sinfonica G. Rossini, diretta dal maestro Roberto Molinelli, direttore per l’innovazione.
Il teatro Rossini è un importante palcoscenico internazionale e i ragazzi vincitori  hanno avuto l’onore di esibirsi là dove si esibiscono i grandi interpreti della musica al Rossini Opera Festival.
Nel corso della serata  Roberto Molinelli, compositore e direttore per l’innovazione  dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini, ha dichiarato: “Musica è sinonimo di condivisione, è un’importante attività formativa per i giovani, che pone al centro l’aggregazione e l’ascolto reciproco. Seguo il Festival dalla prima edizione, e ogni anno puntualmente rimango estasiato da quanta voglia di fare musica abbiano i giovani e i giovanissimi, non per dare mero sfoggio di abilità, ma per scatenare e liberare il desiderio di creatività, con la gioia e il sorriso che sempre ho notato sui loro volti. Ottimo livello generale anche quest’anno, con punte di promettente eccellenza”.
La dirigente, Pasqua Loviglio, entusiasta del risultato raggiunto, ha affermato:
“Negli occhi mi rimane impresso lo sguardo incantato di alcuni bambini alla vista del teatro dal palcoscenico e la loro eccitazione nel doversi esibire di lì a poco con i  diversi  strumenti musicali”.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette