Altamura - venerdì 06 gennaio 2017 Attualità

La popolazione altamurana continua a crescere. Ecco tutti i dati del bilancio demografico

La popolazione altamurana continua a crescere. Ecco tutti i dati dell'ultimo bilancio demografico

La popolazione sfiora i 71.000 residenti. Crese anche il numero dei matrimoni.

Panorama di Altamura. © altamuralive
di La Redazione

Come di consueto ad inizio anno si forniscono i dati del bilancio demografico registrati presso l'Ufficio Anagrafe del Comune, riferiti all’anno appena trascorso. Al 31 dicembre del 2016 la popolazione complessiva è pari a 70.730 residenti (34.772 maschi, 35.958 femmine), con un incremento di 198 unità rispetto al 31 dicembre 2015.

L'incremento demografico nell'anno trascorso è dato dal saldo naturale, pari a + 213 (nati 710; deceduti 497). Invece, il saldo migratorio risulta essere negativo: - 15 alla fine del 2016 (era -191 alla fine del 2015). Il leggero trend negativo è dato dal maggior numero di emigrati e cancellati per irreperibilità o mancanza del titolo di soggiorno (668), rispetto agli immigrati (653). Da segnalare che nel corso del 2016 68 cittadini altamurani (41 maschi e 27 femmine) hanno scelto di andare a vivere stabilmente all’estero (nel 2015 furono 65).

E' aumentato anche il numero di famiglie residenti ad Altamura (da 21.732 a 22.024). Nel 2016 sono stati celebrati 297 matrimoni: 265 concordatari (religiosi) e 32 civili, 25 in più rispetto allo scorso anno (272).

Quanto ai centenari, ad Altamura risiedono 15 persone con 100 e più anni, 13 donne e 2 uomini. Inoltre, nel 2017 saranno 7 i cittadini altamurani (5 donne e 2 uomini) che raggiungeranno il traguardo del secolo di vita. Gli stranieri censiti all'Anagrafe sono 3636; la comunità maggiormente presente è quella albanese con 2471 residenti.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo