La Regione Puglia al Salone del Mobile di Milano con la mostra "Puglia crossing identities"

La Regione Puglia al Salone del Mobile di Milano con la mostra "Puglia crossing identities"

Presenti 4 designers e 2 aziende di Altamura.

Attualità
Altamura domenica 09 aprile 2017
di La Redazione
Salone del Mobile di Milano. © n.c.

Un concentrato di creatività che reinterpreta tradizioni, ricettività e accoglienza, vestendo di innovazione e funzionalità mobili e oggetti di arredo. Nascono così trenta progetti di design totalmente made in Puglia destinati a far parlare di sé. Saranno esposti per la prima volta al Salone Internazionale del Mobile, in programma a Milano dal 4 al 9 aprile 2017, nella mostra immagine intitolata "Puglia crossing identities", voluta dalla Regione - Sezione Internazionalizzazione in collaborazione con FederlegnoArredo Eventi Spa.

È questo il biglietto da visita della Puglia al Salone di Milano, la principale manifestazione fieristica italiana a livello internazionale dedicata al settore dell'arredamento, che l'anno scorso ha ospitato oltre 372mila visitatori per la maggior parte operatori di settore e 1.338 espositori. La Puglia vi partecipa grazie all'accordo quadro sottoscritto l'anno scorso con l'associazione italiana di settore FederlegnoArredo.

La mostra è la nuova declinazione del progetto Design in Puglia, promosso da Regione Puglia (Sezione Internazionalizzazione con il supporto operativo di Puglia Sviluppo Spa) in collaborazione con Adi l'Associazione per il Disegno Industriale -Sezione Puglia e Basilicata, Politecnico di Bari e i distretti produttivi Puglia Creativa e Legno Arredo Pugliese.

I trenta progetti nascono grazie ad un percorso di collaborazione tra 36 designer pugliesi e 22 imprese, gli uni hanno creato e gli altri hanno prodotto arredi e complementi ispirati al tema dell'accoglienza e della ricettività turistica. La mostra sarà inaugurata il 5 aprile a Milano (Fiera Milano Rho, pad. 18 - stand C02-C06) dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dall'assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia Loredana Capone. "Puglia crossing identities - spiega Emiliano - è frutto di un dialogo tra creatività e produzione industriale, manifattura e ricettività turistica, un dialogo che abbiamo fortemente voluto e spinto per portare il meglio del design pugliese al Salone del Mobile di Milano e per rilanciare il settore". "L'esposizione - aggiunge Loredana Capone - ha il pregio di raccontare attraverso ogni oggetto, il luogo in cui è stato generato, trasferendo l'esperienza del territorio ai suoi prodotti, in una sorta di incrocio di identità in cui turismo ed economia, accoglienza e manifattura riescono a fondersi in quel marchio unico che è la Puglia. Cosi il rilancio del sistema casa pugliese passa attraverso il design made in Puglia che da solo raggiunge una quota di imprese pari al 3,3% delle aziende italiane di design, collocando la Puglia in vetta con la Campania tra le regioni del Mezzogiorno".

“Sono particolarmente felice della collaborazione in essere con Regione Puglia”, sottolinea il presidente di FederlegnoArredo Emanuele Orsini, “perché va nella direzione da me auspicata: portare FederlegnoArredo nei territori per sviluppare sinergie con chi questi territori li vive quotidianamente. Vogliamo essere vicini alle imprese della regione affinché trovino in noi una leva che possa incrementare la loro competitività, in particolare sui mercati esteri”.

La collaborazione tra designer e imprese, affiancata dal supporto di alcuni tutor dell’Adi, ha reso possibile la nascita di prodotti unici: poltrone, divani e appendiabiti, tavolini e ceramiche, librerie ed ombrelloni, lampade e grandi tavoli che si trasformano in tavolieri dotati di mattarello o si piegano come origami, tessuti e fioriere, madie e arredi componibili in innumerevoli forme, persino una struttura da campeggio costituita da moduli esagonali e pentagonali il cui design è l’evoluzione delle luminarie. Un vaso, diventa seduta e anche tavolino, mentre un letto che contiene armadio, cassetti, comodini e illuminazione in un unico blocco dal design elegante risolve con creatività il problema degli spazi nelle minuscole camere da letto di oggi. Nulla come l’esposizione di quest’anno riesce a mostrare il trend crescente della creatività dei giovani designer pugliesi.

Gli oggetti nel progetto espositivo curato dallo studio di architettura “Migliore+Servetto Architects” sono inseriti all’interno di nove diversi scenari: cinema, memoria, musica, paesaggio, poesia, profumi, sport, sapori e tempo che uniscono immagini, proiezioni e prodotti in scene che riprendono comportamenti abitativi legati al tema dell’incontrare nel contesto regionale pugliese.

"All’interno dello spazio espositivo – spiegano gli architetti Ico Migliore e Mara Servetto – l’unione dei saperi tra l’eccellenza delle aziende e dei giovani designer locali genera fruttuosi incroci di identità che trovano contestualizzazione in nove scenari diversi. Design meets Puglia prende scena così all’interno di una successione di suggestive tappe, legate alle più diverse declinazioni dell’ospitalità pugliese in senso ampio, che creano un insieme immersivo e corale di esplorazione e conoscenza delle ricchezze e delle potenzialità di questa straordinaria regione".

Una definizione di ospitalita pugliese è affidata nel catalogo della mostra a 7 personaggi noti a livello internazionale: Sono l’attore e regista Michele Placido, il fisico Antimo Palano, l’imprenditore Vincenzo Divella, la giornalista di moda e fashion designer Anna Dello Russo, l’architetto Fabio Novembre, l’art Designer Peppino Campanella e l’attore Michele Venitucci.

Nelle loro parole, l’esodo storico degli albanesi e la capacità di accoglienza mostrata dalla Puglia, il suo stile di vita, l’apertura e la predisposizione al nuovo, i sapori unici della cucina, il sorriso che non viene mai negato, la descrizione della Puglia, come punto di partenza e d’arrivo che lega la cultura greca e quella romana.

La mostra “Puglia Crossing Identities è visitabile tutti i giorni dal 4 al 9 aprile dalle 9,30 alle 18,30.

I designer
I creativi autori dei progetti esposti sono Giulia Abbadessa di Bitonto (Ba), Vincenzo Amendolagine di Corato (Ba), Marco Balestra di Taranto, Maurizio Barberio di Bari, Micaela Colella di Polignano a Mare (Ba), Graziana Calabrese di Fasano (Br), Maurizio Campanella di Castellana Grotte (Ba), Anna Maria Cardillo di Foggia, Piertito Cardillo di Trani (Bt), Cleto Luca Chieco di Bari, Gabriele Maria Cito di Taranto, Gianfranco Conte di Surbo (Le), Maria Lorenza Dadduzio di Barletta (Bt), Valentina De Carolis di Pezze di Greco (Br), Michelangelo De Santoli di Terlizzi (Ba), Costanza Dellerba di Cerignola (Fg), Giuseppe Fallacara di Corato (Ba), Eliana Ferulli di Altamura (Ba); Francesco Fusillo di Noci (Ba), Monica Gisondi di Bisceglie (Bt), Paola Iacobellis di Bari, Roberta Ieva di Trani (Bt), Concetta Lauriero di Altamura (Ba), Gabriella Mastrangelo di Massafra (Ta), Vincenzo Minenna di Bitonto (Ba), Ubaldo Occhinegro di Taranto, Micaela Pignatelli di Altamura (Ba), Filippo Pisculli di Altamura (Ba), Marcello Retino di Bari, Adalgisa Romano di Galatina (Le), Giuseppe Scarpa di Trani (Bt), Marco Stigliano di Trani (Bt), Antonio Surdo di Corigliano d’Otranto (Le), Luca Paolo Vasa di Matino (Le), Arianna Vivenzio di Bari, Alessio Zanzarella di Sava (Ta).

Le aziende
La realizzazione dei progetti è stata affidata alle aziende: Ametlab di Martina Franca (Ta), Arredamenti Moderni di Monopoli (Ba), Cinzia Fasano Ceramiche di Grottaglie (Ta), Cubo Rosso di Gravina di Puglia (Ba), D’Ambruoso Arredamenti di Conversano (Ba), De Bartolo Arredamenti di Bari, Fiorebanisteria di Altamura (Ba), Frigerio Living di Capurso (Ba) Infissi nel Sud – Ebanisteria italiana di Bari, Kermes Divani di Altamura (Ba), Kubico di Galatina (Le), La terra Incantata di Grottaglie (Ta), Laboratoriomaslo di Sava (Ta), Maria Concetta Malorzo “Vetri d’Arte” di Brindisi, Nuova Golden Marmi di Ostuni (Br), Parisi Design di Taurisano (Le), Pimar Italian Limestone di Cursi (Le), Rete Smetwork di Bari, Sikalindi di Lecce, Styl Point di Manduria (Ta), Wood Pallet Design di Castellana Grotte (Ba), WoodTec di Ruvo di Puglia.

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette