Altamura - domenica 01 gennaio 2017 Cronaca

I dati

Botti di Capodanno. Ferite gravemente tre persone ad Altamura

Due trentenni riportano lesioni alle mani e un cinquantenne alle gambe

Botti di Capodanno © n.c.
di Angela Colonna

Capodanno col botto. È andata male per tre uomini, due trentenni e un cinquantenne, che hanno giocato col fuoco per le strade di città per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.

Nonostante l’Ordinanza sindacale, emanata lo scorso 19 dicembre, che vieta l'utilizzo di botti e petardi in città, tre persone hanno riportato gravi ferite per l’esplosione di fuochi artificiali. Due trentenni rischiano l’amputazione della mano e un cinquantenne ha riportato gravi lesioni alle gambe. Sono stati ricoverati nella notte presso l’Ospedale della Murgia, dove hanno ricevuto le prime medicazioni. Petardi costruiti artificialmente e con un grosso quantitativo di polvere pirica. Queste le prime informazioni sugli incidenti registrati. E i numeri dei soccorsi sono ben più alti. Anche altri giovani altamurani sono stati feriti, seppur lievemente, da scoppi di pirotecnici.

Altamura si allinea ai dati pugliesi. In Puglia sono avvenuti gli episodi più gravi riferiti ai botti di Capodanno. Sono finiti, infatti, in prognosi riservata presso il Policlinico di Bari due 25enni di nazionalità albanese, un ragazzo di 16 anni e un uomo di 25 anni.

Ad Altamura, il divieto di utilizzo di botti è partito dal giorno 24 dicembre 2016 e vige sino al prossimo 8 gennaio.  L’inosservanza dell’ordinanza comporta l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 25,00 euro ad un massimo di 500,00. Ma il provvedimento non ha fermato i malintenzionati che hanno tentato, a loro discapito, di festeggiare il capodanno con botti e petardi anche nel centro della città, nei pressi della Cattedrale.  

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
1 Commento
  • Figlio Dimiopadre ha scritto il 02 gennaio 2017 alle 14:48 :
    Il divieto dei botti a capodanno, ha la stessa validità del divieto di buttare carte a terra..
Chiudi Non visualizzare di nuovo