Altamura - domenica 12 febbraio 2017 Politica

L'ente locale

Pareggio di bilancio per la Città metropolitana

Il consigliere delegato Laporta: «Obiettivo importante grazie a intenso lavoro di spending review. Ora piú possibilità di risposte ai territori»

Il Palazzo della Provincia © n.c.
di La Redazione

La Città metropolitana di Bari raggiunge nel 2016 il pareggio di bilancio.

Ad annunciarlo Michele Laporta, consigliere delegato al Bilancio. «Abbiamo centrato un grande obiettivo – afferma -. Con l’ultimo monitoraggio inviato al Mef abbiamo confermato il raggiungimento del pareggio di bilancio 2016. Un obiettivo quasi insperato se si considera che partivamo con un bilancio di previsione che ci vedeva sotto di 16 milioni di euro. L’accertamento di maggiori entrate ed il contenimento delle spese, gli ulteriori tagli ai già contenuti costi della politica, quali spese di rappresentanza, missioni e consulenze esterne, ci ha consentito di annullare il gap e liberarci dall’incubo delle sanzioni previste in caso di sforamento».

«Guardiamo quindi al bilancio 2017 – continua Laporta – con maggiore serenità e con la possibilità di poter dare più risposte alle aspettative dei territori della Città metropolitana di Bari. Sarà, inoltre, possibile procedere all'assunzione di nuovi dirigenti in particolare per il servizi viabilità ed edilizia scolastica attualmente diretti ad interim. Ringrazio il sindaco Antonio Decaro per la costante fiducia e tutto il consiglio metropolitano per la condivisione delle decisioni assunte. Un particolare ringraziamento al dirigente del servizio economico finanziario Francesco Meleleo e ai suoi collaboratori per l’impegno e la professionalità».

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo