Cava dei Dinosauri, ecco le richieste dei proprietari

La "Valle dei Dinosauri srl" concederebbe l'area in cambio di suoli edificabili in città.

Attualità
Altamura venerdì 02 settembre 2011
di Antonio Ferrante
© antonio ferrante
La brutta vicenda della Cava dei Dinosauri di Altamura, a dodici anni dalla scoperta di circa 20 mila impronte di lucertoloni, inizia a delinearsi in ogni sua sfaccettatura. Dopo la petizione lanciata dal Comitato "Salviamo le orme dei Dinosauri di Altamura" che attualmente conta quasi mille firmatari, stanno emergendo particolari importanti, sconosciuti ai più.

Invece di procedere all'esproprio per fini di utilità pubblica, così come previsto dal Codice civile, enti e istituzioni hanno preferito seguire la strada dell'accordo con la proprietà dell'area, scelta che si è dimostrata fallimentare, con l'aggravante che il tempo e l'incururia stanno ora danneggiando le stesse impronte del Cretacico.

Il 31 agosto scorso la società proprietaria della cava, "la Valle dei Dinosauri srl", ha protocollato presso Palazzo di Città una richiesta di "accordo di programma per la valorizzazione della Cava dei Dinosauri in località Pontrelli". La società, già Ecospi, ricorda agli amministratori che durante una conferenza di servizi era emersa la volontà di "acquisire la Cava a patrimonio comunale". Una prima novità emerge con forza, l'attuale amministrazione comunale non ha mai pensato all'esprorio, ma aveva addirittura proposto l'acquisizione a spese della collettività.

"Il Comune di Altamura - si legge nella lettera inviata dai proprietari a Sindaco, assessori e Presidente del Consiglio - ha auspicato la possibilità di pervenire alla acquisizione dell'area senza ricorrere alle procedure di esproprio".  La società proprietaria dell'area, già nel 2009, aveva proposto al Comune, utilizzando lo strumento della perequazione, "di mutare la destinazione urbanistica dei propri suoli siti in Altamura località "Parco Angiolella", in modo da consentirne l'edificazione ad uso residenziale", questo in cambio della cessione dell'area presso la Cava dei dinosauri.

La società rimprovera all'amministrazione comunale di aver evaso le richieste e la sollecita ad una "pronta definizione del procedimento" attraverso l'iscrizione all'ordine del giorno del prossimo consiglio comunale.

Nella galleria fotografica la lettera completa.
Lascia il tuo commento
commenti