La conta dei danni

Maltempo, Coldiretti Puglia:« 7mila ulivi sradicati in poche ore»

Secondo l'associazione di categoria sarebbero circa 25 i milioni di euro di danni.

Attualità
Altamura giovedì 08 novembre 2018
di La Redazione
Maltempo, Coldiretti Puglia:« 7mila ulivi sradicati in poche ore»
Maltempo, Coldiretti Puglia:« 7mila ulivi sradicati in poche ore» © nc

Trombe d’aria e bombe d’acqua hanno colpito prioritariamente le province di Brindisi, Taranto e Lecce, pur senza risparmiare anche le province di Bari e BAT. “Sono quasi 7mila gli ulivi anche secolari strappati dal vento, sradicati o spaccati in due, strutture e muretti ridotti in pezzi, canali esondati e distrutti dalla violenza dell’acqua e del vento, serre e impianti fotovoltaici abbattuti, tendoni di uva da tavola e da vino demoliti, ortaggi in asfissia e marciti, animali nella migliore delle ipotesi scappati per le recinzioni divelte o morti a causa del crollo delle strutture e degli allagamenti. Il danno stimato ammonta a circa 25 milioni di euro”, è il resoconto del Presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia, illustrato alla task force sull’emergenza maltempo in occasione dell’Assemblea elettiva della Coldiretti a Roma, la più grande organizzazione degli agricoltori in Europa. Il maltempo – sottolinea la Coldiretti – ha colpito le campagne lungo tutta la Penisola dalla Sardegna, colpendo duramente l’agricoltura pugliese, dopo un autunno asciutto in cui a settembre sono cadute addirittura il 61% in meno di precipitazioni rispetto alla media storica, con i terreni secchi che hanno amplificato il rischio idrogeologico con danni strutturali ad edifici e alla viabilità.

“Non bastavano le gelate che hanno colpito a febbraio e marzo le province di Bari, BAT e Foggia, e le grandinate violente dei mesi successivi, la Xylella a Lecce, ora anche la straordinaria ondata di maltempo su Brindisi e Taranto – conclude Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia - ha completato un quadro disastroso. Il 2018 sarà ricordato come l’annus horribilis per l’olivicoltura pugliese che conta i danni di un clima ostile e impietoso e di calamità naturali di gravità incalcolabili. La stima del danno ormai è salita a 1 miliardo e 600 milioni di euro, perché al crollo produttivo in termini di olive e olio va sommata la perdita del patrimonio strutturale degli ulivi. Per il ripristino del potenziale produttivo serviranno risorse ingenti e straordinarie”.

Coldiretti Puglia ha annunciato azioni di mobilitazione a partire dalla prossima settimana per rivendicare interventi urgenti di bonifica e tutti i provvedimenti utili ad aiutare le imprese agricole pugliesi in grave crisi di liquidità.

Lascia il tuo commento
commenti