Consigli per gli investitori durante il Coronavirus

Qualebroker: Anche nei mercati finanziari, nel mezzo delle difficoltà nascono le opportunità.

Il sito web specializzato nel confronto dei broker per fare trading online spiega su quali settori investire

Contenuti Suggeriti
Altamura giovedì 14 maggio 2020
di La Redazione
Qualebroker
Qualebroker © n.c.

La pandemia che tutto il mondo sta affrontando ci ha messo davanti ad una situazione senza precedenti. Il Covid-19 ha avuto un forte impatto sui nostri stili di vita, sia dal punto di vista lavorativo che privato. Anche per chi investe i propri risparmi in borsa, il Covid-19 ha generato non poche preoccupazioni e ansia, per via delle forti turbolenze registrate sui mercati negli ultimi mesi.

Ma come spesso accade, nel mezzo delle difficoltà nascono le opportunità. Per le economie globali questo è un periodo disperato; tuttavia i dati storici dimostrano come siano questi gli intervalli in cui si nascondono le vere opportunità. La domanda è, cosa bisogna fare esattamente?

Se hai già un portafoglio che a seguito della pandemia ha subito delle oscillazioni negative, occorre valutare se continuare a puntare sugli attuali titoli, oppure se è meglio liberarsene. Alcuni settori come quello automobilistico o del turismo non hanno un futuro roseo nei prossimi anni. Se quindi possiedi dei titoli in settori affossati dal Coronavirus come quelli poc’anzi citati, potrebbe essere una buona idea quella di vendere. Ci sono invece alcuni settori che non sembrano aver subito particolari danni dalla situazione attuale. Pensiamo al settore tecnologico (il NASDAQ ha quasi azzerato le perdite da inizio crisi) oppure a quello farmaceutico.

Se invece al momento non hai capitali investiti in borsa ma pensi sia arrivato il momento di farlo, allora ci sono alcuni accorgimenti da prendere in considerazione.

Una buona strategia potrebbe essere quella di individuare quei titoli dai fondamentali solidi ma che hanno subito un calo nelle quotazioni negli ultimi mesi. Le aziende solide supereranno questa crisi e torneranno a prosperare, per questo si potrebbe pensare di investire nel loro rialzo nel medio-lungo periodo.

Per prima cosa però dovrai munirti di un conto di trading per poter accedere ai mercati e comprare e vendere i titoli a cui sei interessato. Per farlo dovrai individuare un broker che ti metta a disposizione una piattaforma di trading per poter operare. Tale servizio potrebbe essere offerto anche dalla tua banca, ma con ogni probabilità i costi a cui andrai incontro saranno vertiginosamente più alti rispetto all’utilizzo di un broker online. Quest’ultimo deve possedere alcune specifiche caratteristiche per poter essere scelto, tra cui l’essere regolarmente autorizzato in Europa, offrire un buon accesso ai mercati, avere delle buone commissioni di negoziazione ecc.

Trovare il miglior broker può richiedere tempo e risorse. Il ping pong tra i siti web dei broker può portare via diverse ore. Un valido aiuto per i traders e gli investitori proviene da un sito web specializzato nel confronto dei broker per fare trading online, qualebroker.com. Attraverso le recensioni, le opinioni e gli strumenti messi a disposizione su questo sito finanziario, ogni investitore può trovare il broker online in pochi minuti e in tutta facilità.

Una volta che avrai attivato il conto di trading potrai passare all’azione. Una volta che hai deciso dove investire dovrai occuparti di valutare quale strumento finanziario acquistare. L’industria finanziaria mette a disposizione una moltitudine di strumenti tra cui azioni, ETF, CFD, futures ecc.

Prima di avventurarsi in operazioni avventate è bene studiare i mercati e gli strumenti a disposizione. Non è raro infatti vedere investitori inesperti fare danni con strumenti finanziari di cui non conoscono le caratteristiche e il funzionamento. Danni che vengono amplificati quando si utilizza la leva finanziaria, soprattutto con strumenti come i CFD o i future.

Il web permette di apprendere le nozioni fondamentali in modo gratuito. Non è quindi necessario acquistare corsi a pagamento. Questi ultimi abbondano sul web ma spesso non contengono informazioni preziose tali da giustificare l’esborso di denaro.

Il trading online dunque può offrire diverse opportunità durante questo periodo di crisi. Bisogna però essere consapevoli che fare trading è un’attività rischiosa e diventare trader richiede studio e dedizione. Per chi ci riesce, le soddisfazioni (e i guadagni) non mancano.

Lascia il tuo commento
commenti