Secondo i consiglieri regionali 5 stelle si potrà risparmiare 150 milioni di euro in cinque anni

Taglio vitalizi consiglieri regionali. M5S: «In Puglia ci proviamo dal 2016 ma sempre bloccata»

In Conferenza Stato-Regioni è stata raggiunta l’intesa per tagliare i vitalizi ai consiglieri regionali.

Politica
Altamura venerdì 05 aprile 2019
di La Redazione
La nuova sede del consiglio regionale pugliese.
La nuova sede del consiglio regionale pugliese. © Luca Turi

“Finalmente in Conferenza Stato - Regioni è stata raggiunta l’intesa per tagliare i vitalizi ai consiglieri regionali. Una riforma che permetterà di risparmiare 150 milioni di euro in cinque anni, che sommati ai soldi risparmiati grazie al taglio di questi privilegi agli ex parlamentari diventano 380 milioni di euro. Un risultato che in Puglia avremmo potuto raggiungere già da anni se solo destra e sinistra avessero approvato i nostri emendamenti o fosse stata calendarizzata la proposta di legge presentata nel 2016 per abolire i vitalizi a consiglieri ed ex consiglieri regionali e ricalcolarli con il metodo contributivo”.

Lo dichiarano i consiglieri del M5S Puglia.

“Una proposta - continuano i pentastellati - che, se approvata, avrebbe fatto risparmiare ai pugliesi circa 10 milioni di euro all'anno, riducendo di due terzi la spesa che il Consiglio sostiene per l'erogazione dei vitalizi. Purtroppo non ci sorprende che, nonostante le nostre ripetute richieste, Emiliano abbia continuato a dormire e la proposta sia finita in un cassetto. Destra e Sinistra si sono sempre dimostrate compatte nel difendere i loro privilegi. Oltre alla proposta di legge, abbiamo provato ad abolire i vitalizi anche presentando emendamenti ai Bilanci di previsione del 2016 e 2017. E neanche a dirlo gli unici ad aver votato a favore siamo stati noi consiglieri del M5S. Siamo felici che grazie al Governo del Cambiamento in meno di un anno i vitalizi siano stati tagliati in tutta Italia. In Puglia, invece, la vecchia politica ha continuato a far finta che la questione non esistesse: la difesa dei privilegi di pochi a quanto pare per loro è più importante degli interessi dei pugliesi”

Lascia il tuo commento
commenti