Emergenza sanitaria

Covid19, Masi (M5S): «più controlli e trasparenza ad Altamura»

Il deputato 5 stelle ha chiesto al Prefetto il numero degli effettivi delle forze dell’ordine presenti sul territorio, ma anche di valutare l’opportunità di aumentare questi numeri e di utilizzare i droni per i controlli

Politica
Altamura mercoledì 01 aprile 2020
di La Redazione
L'onorevole Angela Masi
L'onorevole Angela Masi © n.d.

“Ad Altamura, secondo gli ultimi dati, ci sono state 41 persone positive al coronavirus, compreso chi purtroppo è deceduto. All’Amministrazione comunale chiedo la massima trasparenza: sia nella comunicazione puntuale dei dati, anche delle persone in isolamento domiciliare ma chiedo anche come si sta procedendo con la distribuzione degli alimenti e come si stanno gestendo i rifiuti provenienti da famiglie in isolamento. Nel merito chiedo al sindaco se ha pensato, con l’interessamento della Prefettura, alla requisizione di strutture alberghiere per ospitare persone in sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario”.

Ad affermarlo è il deputato altamurano 5 stelle Angela Masi.

“In termini di controllo del territorio, rispondendo anche alle domande che molti cittadini mi hanno fatto in questi giorni, confermo che ho informato oltre una settimana fa il sottosegretario agli Interni Sibilia in merito la situazione della nostra polizia municipale, sottoposta a quarantena dopo i vari casi di positività verificatisi. Il sottosegretario ha mostrato apertura e disponibilità riguardo alla possibilità di utilizzare uomini e donne dell’Esercito sul nostro territorio a seguito della richiesta fatta dai soggetti preposti. Nel frattempo, la sindaca Melodia mi ha confermato l’aumento di carabinieri e polizia metropolitana a supporto delle forze dell’ordine presenti. In queste ore ho inoltre contattato il maggiore Merenda della Compagnia carabinieri di Altamura, che mi ha confermato come l’Arma sia impegnata con costanza nei controlli del rispetto delle misure di contenimento e che ieri sono stati elevati oltre 40 verbali. Questo ci deve responsabilizzare ulteriormente a restare nelle nostre case: il momento è difficile, lo vediamo tutti, ma è fondamentale rispettare le prescrizioni. Per avere il quadro completo della situazione ho comunque scritto al prefetto chiedendo il numero degli effettivi delle forze dell’ordine presenti sul nostro territorio, ma anche di valutare l’opportunità di aumentare questi numeri e di utilizzare i droni per i controlli. Non dobbiamo militarizzare la nostra città, ma sicuramente dobbiamo essere pienamente consapevoli delle conseguenze che può avere la nostra negligenza".

Lascia il tuo commento
commenti