Apulia Film Commission

Nelle sale il cinema di Puglia

Escono oggi “Una vita spericolata” di Marco Ponti e “Dei” di Cosimo Terlizzi

Spettacolo
Altamura giovedì 21 giugno 2018
di La Redazione
Cosimo Terlizzi e Riccardo scamarcio
Cosimo Terlizzi e Riccardo scamarcio © n.c.

A partire da oggi, giovedì 21 giugno, arrivano nelle sale cinematografiche due nuovi film girati in Puglia: “Una vita spericolata” di Marco Ponti, sostenuto da Regione Puglia e Apulia Film Commission, e “Dei” di Cosimo Terlizzi, realizzato col sostegno logistico di Apulia Film Commission.

“Una vita spericolata” è il terzo film che il regista Marco Ponti gira in Puglia, dopo “La cena di Natale” e “Io che amo solo te”. In questa nuova pellicola, con protagonisti Lorenzo Richelmy, Matilda De Angelis, Eugenio Franceschini, Antonio Gerardi, Massimiliano Gallo, Michela Cescon e Gigio Alberti, Ponti racconta la vicenda del trentenne Roberto Rossi, con un’officina che va a rotoli. Sommerso dai debiti, va in banca per implorare un prestito, ma lì succede di tutto. Irritato dalle urla di una ragazza, Rossi perde la testa e in un attimo la sua richiesta si trasforma in una rapina del tutto casuale, con tanto di ostaggio e borsone pieno di soldi.

Il film è stato girato per 27 giorni in Puglia tra giugno e luglio 2017 a Lecce e provincia (Melpignano, Nardò, Santa Maria di Leuca) e in provincia di Foggia (Volturino, Troia e Bovino). Prodotto da Fulvio e Federica Lucisano per Italian International Film con Rai Cinema (Distribuzione 01), il film è stato realizzato con il contributo di Apulia Film Fund della Regione Puglia (257.139,50 euro) e col sostegno di Apulia Film Commission. Per la realizzazione del film, sono stati impiegati 28 lavoratori pugliesi.

“Dei” di Cosimo Terlizzi, che vede come protagonisti un cast di giovani attori formato da Luigi Catani, Andrea Arcangeli, Martina Catalfamo, Fausto Morciano, Matthieu Dessertine e Angela Curri, racconta la vicenda di Martino, un giovane 17enne di provincia affascinato dalla vita dei ragazzi di città. Conteso fra il desiderio di studiare arte all’università e le complicate condizioni economiche della sua famiglia, Martino cerca una soluzione nella vendita un ulivo secolare di proprietà della famiglia. Da quel giorno, inizia un doloroso percorso di crescita e consapevolezza di sé.

Girato nell’ottobre del 2016 per cinque settimane tra Bari e provincia (Santeramo in Colle, Modugno, Triggiano- San Giorgio, Cassano Murge, Altamura e Monopoli), il film è prodotto dalla Buena Onda di Riccardo Scamarcio, Valeria Golino e Viola Prestieri ed è stato realizzato col sostegno logistico di Apulia Film Commission. Per la realizzazione del film, sono stati impiegati 18 lavoratori pugliesi.

Lascia il tuo commento
commenti