Telefonate sospette su Luce e Gas? Fatti trovare pronto

Non vogliamo generalizzare, non tutti i fornitori agiscono in maniera scorretta, ma vogliamo darti alcuni consigli per evitare qualche fregatura

Francesco Roselli Squilla la notizia
Altamura - giovedì 12 agosto 2021
Telefonate sospette su Luce e Gas? Fatti trovare pronto
Telefonate sospette su Luce e Gas? Fatti trovare pronto © n.c.

Lo sappiamo, a breve è previsto il passaggio obbligatorio al mercato libero di Luce e Gas, e sappiamo anche che, molto di più rispetto alla telefonia, è un mercato nel quale operano centinaia e centinaia di fornitori.

Ed è cosi che sempre più spesso ti capiterà di ricevere telefonate che promettono risparmi in bolletta o condizioni economiche vantaggiose rispetto alle attuali; la verità è che, nella maggior parte dei casi, non vogliono farti risparmiare ma vogliono “semplicemente” farti un nuovo contratto. Non vogliamo generalizzare, non tutti i fornitori agiscono in maniera scorretta, ma vogliamo darti alcuni consigli per evitare qualche fregatura:

• mai dare dettagli sul tuo contratto in essere (cifra spesa, codici contatori, POD, PDR, codice fiscale, intestazione fornitura). Anche se hanno i tuoi dati non significa che a chiamarti sia il tuo reali fornitore. Molto spesso, infatti, si spacciano per tale ma sappi che se il tuo attuale fornitore intende comunicarti variazioni contrattuali lo fa in forma scritta (generalmente in bolletta) o tramite mail.

• L’operatore che ti chiama non può in alcun modo conoscere quella che è la tua attuale offerta, a meno che non sia tu a comunicarla: quindi quando ti chiamano dicendoti che, a prescindere, stai pagando più del dovuto, ti stanno già fornendo un’informazione errata.

• Quando ricevi una telefonata, chiedi sempre all’operatore/interlocutore telefonico di qualificarsi, chiedendo un riferimento telefonico e l’indirizzo della società per la quale chiama.

• Se sei interessato alla proposta fatti sempre dare il nome dell’offerta e verifica sul sito del fornitore le condizioni e le clausole.

• Non dire mai dire sì. È essenziale per evitare che il sì possa essere registrato e utilizzato come consenso all’attivazione telefonica del contratto. Attenzione alla prima frase: alla domanda: “Parlo con la sig.ra ...?” rispondete “sono io" o "non sono io", ma evitate la risposta naturale.

• In ogni caso, puoi esercitare il diritto di ripensamento dalla telefonata con la quale è stato registrato il consenso entro 14 giorni mediante raccomandata. Infine, ricorda, che presso SimFonia ti aspettano i nostri esperti di SimEnergia: persone, volti e sorrisi che conosci che con la loro professionalità sapranno consigliarti sempre il meglio per le tue utenze di Luce e Gas. E il meglio non sempre vuol dire proporti un nuovo contratto.

Prenota qui la tua consulenza gratuita.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti